Salvatore Venanzio vince la Garessio-San Bernardo

Il campione campano sale sul gradino più alto del podio della competizione valida per il Campionato Italiano Slalom. Alle spalle della sua Radical SR4 Suzuki, quella di Giuseppe Castiglione. Gradino più basso del podio per Fabio Emanuele, al via su Osella PA 9/90 Alfa Romeo.

GARESSIO (CN), 10 settembre – Con il tempo di 2’57” e trentadue centesimi, Salvatore Venanzio vince la Garessio San-Bernardo, sesta tappa del Campionato Italiano Slalom andata in scena sulle montagne cuneesi a cavallo tra Piemonte e Liguria. Il pilota campano, dopo aver siglato il miglior tempo della prima manche, sale sul gradino più alto del podio con 177,32 punti conquistati al termine della terza salita corsa al volante della sua Radical SR4 motorizzata Suzuki. “Sono davvero soddisfatto di questo risultato”, commenta Venanzio a fine giornata. “Dopo tutta una serie di lavori sulla vettura e un lungo cammino per ritrovare il passo vincente credo di essere arrivato alla agognata meta. E farlo a Garessio, su un percorso tanto bello quanto impegnativo dove per vincere occorrono cuore forte, piede pesante e una vettura al top, ripaga dei molti sacrifici”. A soli novantasette centesimi dal vincitore si classifica al secondo posto Giuseppe Castiglione. Il pilota siciliano, anche lui al via su una Radical SR4 Suzuki e con i gradi del leader della classifica tricolore, è autore di una gara estremamente regolare, tutta “giocata” intorno ai 178 punti e coronata con il miglior tempo al termine del secondo passaggio sui 4180 metri del nastro di gara che da Garessio, con otto tornanti panoramici e particolarmente impegnativi, sale al Colle San Bernardo. Gradino più basso del podio, a due secondi netti da Venanzio, per Fabio Emanuele, vero mattatore della Garessio-San Bernardo con cinque vittorie in altrettante edizioni, tutte conquistate a volante della sua Osella PA 9/90 motorizzata Alfa Romeo. Per il fortissimo driver molisano un terzo posto comunque soddisfacente, ultimo a scendere sotto il muro dei tre minuti, e un risultato da cui ripartire per nuove sfide. “Sono partito subito forte perché questa gara mi piace e mi è sempre piaciuta. Credo di essermi giocato la possibilità di vittoria tra la prima e la seconda manche con regolazioni non ottimali sulla vettura che non mi hanno dato il giusto grip necessario a sfruttare tutta la potenza del motore. Sulla terza, poi, ho voluto strafare e mi sono girato. Ma queste gare sono così: per vincere, con la concorrenza che c’è, le mezze misure non servono”. In crescendo e senza sbavature, invece, la gara di Emanuele Schillace che chiude in quarta posizione, primo tra gli Under 23, con i tempo di tre minuti e sessantotto centesimi. Per il giovanissimo pilota siciliano che, oltre la Radical SR4 con cui corre, con Castiglione condivideva alla vigilia della gara la prima posizione in classifica assoluta di campionato, una prestazione da campione consumato, ennesima conferma in una stagione da incorniciare. Alle sue spalle un altro giovanissimo. Erik Campagna, infatti, si classifica al secondo posto tra gli Under 23, primo in Gruppo E2SS, con una bella gara al volante della Formula Arcobaleno con cui piazza il tempo vincente pari a 185,52 punti sulla terza e decisiva manche. Terza manche che regala a Luca Veldorale, oltre il sesto posto assoluto, la vittoria in Gruppo E2SH su A112 con motore Kawasaki. Alle sue spalle, settima posizione per il “rientrante” Roberto Malvasio tornato a gareggiare in uno slalom dopo l’apparizione ai “Giovi” del 2017 con la 124 Abarth e tornato al volante della Radical che non guidava da oltre un anno. Chiudono la top ten della Garessio-San Bernardo due Fiat X1/9. La prima quella di Gianpasquale De Micheli, secondo in Gruppo E2SH; la seconda quella portata in gara da Gianluca Ticci che con questo risultato conquista il primo posto tra le vetture di Gruppo S. Dietro di lui, undicesimo assoluto, Marco Riboni, il più veloce in Gruppo E1 Italia su Fiat 127. Marco Strata conquista la vittoria in Gruppo A regalando con la sua Mitsubishi Evo IX spettacolo al numeroso pubblico lungo il percorso, quattordicesimo assoluto in classifica davanti a Emanuel Traina, primo tra i prototipi al volante di una Abarth X1/9 Kawasaki. Antonino Carpentieri e Rocco Porcaro, entrambi su Peugeot 106 Rallye, fanno loro, rispettivamente, il Gruppo N e Gruppo RS.
Tra le autostoriche al via della competizione valida per il Trofeo ANCAI “Hill Climb Classic” Slalom, la serie patrocinata dall'Associazione Nazionale Corridori Automobilisti Italiani per promuove i valori di solidarietà tra piloti e ricordare la figura di Giorgio Pianta, uno degli ultimi veri signori dell'automobilismo che dell'ANCAI è stato Presidente, vittoria per Alfredo Calì su Peugeot 205 Rallye davanti a Mario Sala su Porsche 906 e Antonio Gamberardino su A112 Abarth. Nel corso della cerimonia di premiazione, oltre ai premiati, un lungo applauso è stato tributato alla memoria di Franco Cremonesi, un grande campione che con le sue vittorie ha contribuito a scrivere grandi pagine di automobilismo e una parte importante della storia della Garessio-San Bernardo, la competizione che si corre tra Piemonte e Liguria, tra il verde della montagna e l’azzurro del mare. 

L'albo d'Oro della Garessio-San Bernardo

I

  2 settembre 1956 Pietro Campanella su Alfa Romeo Giulietta SV (velocità in salita)

II

  1 settembre 1957 Luigi Taramazzo su Ferrari 250 GT (velocità in salita)

III

  20 luglio 1958 Luigi Taramazzo su Ferrari 3000 (velocità in salita)
IV 19 luglio 1959 Luigi Taramazzo su Ferrari 3000 (velocità in salita)
V 17 luglio1960 Carlo Mario Abate su Ferrari 250 GT (velocità in salita)
VI 25 giugno 1961 Carlo Mario Abate su Ferrari 250 GT (velocità in salita)
VII 29 giugno 1962 Ada Pace su Osca 1000 (velocità in salita)
VIII 23 giugno 1963 Luigi Taramazzo su Ferrari 250 GTO (velocità in salita)
IX 21 giugno 1964 Luigi Taramazzo su Abarth 2000 (velocità in salita)
X 20 giugno 1965 Leo Cella su Abarth 2000 (velocità in salita)
XI 19 giugno 1966 Klaus Steinmetz su Abarth 2000 (velocità in salita)
XII ... 1967 Luigi Taramazzo su Porsche 2000 (velocità in salita)
XIII ... 1669 Luigi Taramazzo su Abarth 2000 (velocità in salita)
XIV ... 1970 Franco Pilone su Abarth 2000 (velocità in salita)
XV 29 giugno 1971 Johansen Orther su Abarth 2000 (velocità in salita)
XVI 27 agosto 1972 Luigi Taramazzo su Abarth 2000 (velocità in salita)
XVII 13 giugno 1974 Eris Tondelli su Chevron B27 (velocità in salita)
XVIII 16 luglio 1978 Luciano Benetti su Fiat 700 (slalom)
XIX ... 1979
XX 16 giugno 1991 Augusto Cesari su Lancia Delta S4 (slalom)
XXI 28 giugno 1992 Pasquale De Micheli su Abarth X1/9 (slalom)
XXII 27 giugno 1993 Erberto Rossi su Erberth R2 (slalom)
XXIII 26 giugno 1994 Lorenzo Saracco su Lancia Delta Integrale (slalom)
XXIV 25 giugno 1995 Paolo Antonazzo su Lancia Delta S4 (slalom)
XXV 23 giugno 1996 Augusto Cesari su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXVI 22 giugno 1997 Salvatore Riolo su Gmg Sport (slalom)
XXVII 5 luglio 1998 Augusto Cesari su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXVIII 12 settembre 1999 Franco Stradella su Osella/Bmw (slalom)
Uberto Bonucci su Osella/Bmw (autostoriche)
Ezio Baribbi su Osella/Bmw (veloctà in salita)
XXIX 10 settembre 2000 Franco Cremonesi su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXX 9 settembre 2001 Salvatore Langellotto su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXI 8 settembre 2002 Roberto Loda Citroen AX2 Ninja (slalom)
XXXII 7 settembre 2003 Franco Cremonesi su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXIII 5 settembre 2004 Franco Cremonesi su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXIV 4 settembre 2005 Fabio Emanuele su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXV 3 settembre 2006 Fabio Emanuele su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXVI 2 settembre 2007 Fabio Emanuele su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXVII 6 settembre 2009 Davide Piotti su Osella/Alfa Romeo (slalom)
XXXVIII 5 settembre 2010 Manuel Dondi su Abarth X1/9 (slalom)
XXXIX 4 settembre 2011 Giuseppe Zaniboni su Alfa Romeo Rebo (slalom)
XL settembre 2012 Maicol Giacomotti su Fiat 126 Kawasaki (slalom)
XLI 15 settembre 2013 Fabio Emanuele su Osella/Alfa Romeo (slalom)
Giorgio Tessore su Alfa Romeo Gtam (slalom autostoriche)
XLII 14 settembre 2014 Fabio Emanuele su Osella/Alfa Romeo (slalom)
Guido Vivalda su Porsche Carrera Rs (slalom autostoriche)
XLIII 13 settembre 2015 Pasquale Bentivoglio su Chiavenuto Sport (slalom)
Luca Vinai su Fiat 128 Rally (slalom autostoriche)
XLIV11 settembre 2016Davide Piotti su Osella/Alfa Romeo (slalom)
Roberto Arnaldi su Alfa Romeo Gtam (slalom autostoriche)
XLVsettembre 2017Pasquale Bentivoglio su Tatuus (slalom)
Guido Vivalda su Lucchini Alfa Romeo (slalom autostoriche)

 

AREA DOWNLOAD

CLASSIFICHE


MODULI ISCRIZIONE
Auto Moderne


MODULI ISCRIZIONE
Auto Storiche


MODULO RICHIESTA
ACCREDITO STAMPA


Programma di gara della Garessio-San Bernardo 201
8


Sabato 8
dalle 16,30 alle 18,30, verifiche sportive
presso Parco Fonti Garessio (CN)
dalle 17,00 alle 19,00, verifiche tecniche
presso piazzale Stabilimento S. Bernardo Garessio (CN)

Domenica 9

dalle 07,30 alle 09,30, verifiche sportive
presso Parco Fonti Garessio (CN)
dalle 07,30 alle 10,00, verifiche tecniche
presso piazzale Stabilimento S. Bernardo Garessio (CN)

Ore 11,30 ricognizione ufficiale del percorso di gara
Ore 13,00 partenza prima vettura prima manche

Ore 19,00 premiazioni
presso Parco Fonti Garessio (CN)

IMMAGINI IN ALTA RISOLUZIONE

Le immagini sono di libero utilizzo. Si prega di citare la fonte


EDIZIONE 2018
La locandina della gara
EDIZIONE 2017
La locandina della gara

foto 1 - EMANUELE Fabio
foto Sportfoto di Oscar Mura


foto 2 -TESSORE Giorgio
foto Sportfoto di Oscar Mura

EDIZIONE 2013

La locandina della gara



EDIZIONE 2011

foto 1 - ZANIBONI Giuseppe
foto Sportfoto di Oscar Mura

foto 2 - MALVASIO Roberto
foto Sportfoto di Oscar Mura

foto 3 - STRATA Marco
foto Sportfoto di Oscar Mura

La locandina della gara


EDIZIONE 2010

foto 1 - DONDI Manuel
foto Sportfoto di Oscar Mura

foto 2 - PIOTTI Davide
foto Sportfoto di Oscar Mura

 

foto 3 - GIACOMOTTI Manuel
foto Sportfoto di Oscar Mura

 


Uffici e Sede legale: via Ospedale, 1 - 12051 ALBA (CN) 
Cell. 335.6009991 - 339.4334336 FAX 0173.1991071 info@supergara.it www.supergara.it